Mondomutui.it

MUTUI LAVORATORI TEMPO DETERMINATO

Ottenere mutui, per lavoratori a tempo determinato non è poi così semplice, ma, fortunatamente non è impossibile. Complice la crisi economica, ed il difficile approccio nel mondo del lavoro da parte dei giovani, gli istituti di credito hanno ampliato la possibilità anche ai lavoratori atipici creando proposte alternative, adatte a questa categoria.

- Perchè è difficoltoso concedere i mutui ai lavoratori a tempo determinato?

Di questi tempi possedere un lavoro è certamente una fortuna, per alcuni è una fortuna anche poter risultare occupati a tempo determinato. Eppure, per gli istituti di credito, un lavoro a tempo determinato può non essere sufficiente per garantire il rimborso del mutuo che si desidera richiedere. Avere un contratto a tempo determinato o essere un lavoratore a progetto non rappresenta purtroppo la migliore delle garanzie per chi deve concedere il mutuo. Come per tutti i finanziamenti, è importante avere la dimostrazione di percepire un reddito fisso mensile, che l'istituto di credito accoglierà come garanzia a tutela del rimborso stabilito contrattualmente. Essendo il mutuo un finanziamento che vede erogazioni di capitale importanti, dal momento che acquistare un immobile comporta cifre elevate, si fa necessaria, appunto, la dimostrazione di poter far fronte mensilmente, per svariati anni, alle rate prestabilite. Se il soggetto possiede un'occupazione a tempo indeterminato, la banca o finanziaria si appoggerà sulla cessione del quinto dello stipendio per i rimborsi mensili, oppure sull'eventuale TFR, maturato negli anni lavorativi. Se si concede il mutuo ad un lavoratore a tempo determinato, è sicuro che tale occupazione sarà destinata a terminare, pertanto la certezza di avere introiti mensili va a spegnersi. È quindi difficile erogare mutui a lavoratori atipici o a tempo determinato, al limite l'accesso, per loro, potrà esserci per piccoli prestiti personali, meno impegnativi. Ciò nonostante, esistono possibilità per ottenere un mutuo presentando garanzie alternative alla busta paga.

- Come possono ottenere mutui i lavoratori a tempo determinato?

Esistono istituti di credito che promuovono mutui per lavoratori atipici, a progetto, precari. Molti di questi prodotti sono studiati appositamente per i giovani, generalmente di età inferiore ai 35 anni, che però possano dimostrare di avere lavorato almeno per 30 mesi negli ultimi 3 anni. Diverse sono le opzioni concesse in questi mutui per lavoratori a tempo determinato, spesso sono accumunati dall'opportunità di poter interrompere temporaneamente il rimborso, anche fino a sei mesi, nel caso ci fosse una perdita temporanea del lavoro che non consentisse i pagamenti, ma questo solo per una o massimo due volte durante tutto il periodo di ammortamento. I mutui per chi lavora a tempo determinato, inoltre, presentano costi maggiormente alti a causa della presunzione di rischio nella regolarità del pagamento delle rate, cosa che ad un lavoratore precario potrebbe accadere. A questo punto, bisogna rivelare la reale garanzia che potrà far conseguire il mutuo al giovane lavoratore atipico: la presenza di un garante che percepisca un reddito fisso mensile, magari un genitore o un parente che possieda redditi o beni su cui apporre ipoteca. In questo caso, il mutuo per il lavoratore a tempo determinato verrà concesso senza difficoltà. Come si può evincere, in sostanza, al solo giovane lavoratore precario non verrà erogato alcunchè, pertanto, considerate le condizioni e i costi, sarebbe consigliabile valutare un mutuo tradizionale, meno costoso, con l'appoggio di un genitore che possa aiutare il ragazzo nell'impresa.

Mutui lavoratori tempo determinato aggiornato il 05 Aprile 2017


Vai alla home:Mondo Mutui

mutui lavoratori tempo determinato