Mondomutui.it

MUTUI PER LAVORATORI AUTONOMI

Erogare mutui per lavoratori autonomi non è impossibile, ma può risultare difficoltoso. I lavoratori autonomi, come gli artigiani o i liberi professionisti, pur possedendo un'occupazione, e spesso anche redditizia, possono trovare un percorso tortuoso per l'accesso al mutuo.

- Perchè è difficoltoso l'accesso ai mutui per i lavoratori autonomi?

È piuttosto noto che la garanzia principale, quella che ogni istituto di credito accetta su ogni cosa, è la busta paga. Avere uno stipendio fisso, come capita ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, è la migliore delle garanzie per dimostrare di poter onorare il debito che si creerà con l'accensione di un mutuo. Una busta paga fissa significa anche poter contare su un eventuale Tfr, pertanto l'istituto di credito si ritiene tutelato da insolvenze e concede i finanziamenti con maggiore disponibilità. Tutto questo non potrà capitare in maniera così semplice e scorrevole ad un lavoratore autonomo che richiede il mutuo. Il lavoratore autonomo non possiede una busta paga da portare alla banca come prova di percezione di un reddito fisso. Pur guadagnando, i mutui ai lavoratori autonomi necessitano di dimostrazioni reddituali e garanzie aggiuntive, questo perchè il lavoratore indipendente non incassa ogni mese lo stesso quantitativo di denaro, proprio perchè l'attività è basata su questo tipo di economia altalenante.

- Quali sono le garanzie che possono far accedere ai mutui i lavoratori autonomi?

L'istituto di credito, quando deve concedere un mutuo ad un autonomo, verifica alcuni punti, a partire dall'affidabilità creditizia del soggetto, che non dovrà risultare iscritto alla centrale rischi come protestato, cattivo pagatore o pignorato, inoltre, non dovrà avere procedimenti fallimentari nè in atto nè precedenti. Appurato lo stato di integrità economica, verrà valutato l'andamento economico del lavoratore autonomo. A tal proposito sarà utile produrre, ad esempio, copia delle dichiarazioni dei redditi degli ultimi anni, per soppesarne il volume reddituale, le iscrizioni alla Camera di Commercio, o all'Albo di appartenenza, e tutto ciò che possa dimostrare che l'attività commerciale o professionale sia economicamente remunerativa. Qualora ciò non risultasse ancora sufficiente, se possibile si potrà ricorrere ad una terza persona che funga da garante, oltre che far apporre l'ipoteca sull'immobile oggetto del mutuo per lavoratore autonomo.

- Quali soluzioni abbiamo con la sospensione del mutuo per lavoratore autonomo?

Con la moratoria sulle rate, fortunatamente alcuni istituti bancari danno la possibilità di sospendere per 12 mesi i mutui anche ai lavoratori autonomi ed alle famiglie con persone che hanno avuto la cessazione di attività di lavoro autonomo. Pur non essendo compresi ufficialmente nel decreto che stabilisce per legge la sospensione dei pagamenti, non poche banche hanno optato per l’ammissione alla sospensione del mutuo dei lavoratori autonomi e con partiva Iva, decisione che rimane a discrezione della banca stessa.

Mutui per lavoratori autonomi aggiornato il 05 Aprile 2017


Vai alla home:Mondo Mutui

mutui per lavoratori autonomi